Parlando al vento incontrai un’eco

tumblr_mki4ghRGvW1s85xqjo1_500

Parlando al vento incontrai un’eco

Era stanco e cercava di mettere in fila i suoi pensieri annebbiati, fatti di pulviscolo del tempo e gocce di sudore della vita. Era tanto lucido con quella voglia di assaporare un silenzio in mezzo al frastuono e il cinguettio degli uccelli alle cinque del mattino. Perché pochi hanno il privilegio di farsi coccolare dalla natura che si sveglia e vive nella notte. Svegliava il giorno accanto a lenzuola ancora stirate nell’altra metà e scendeva dal letto sicuro di non svegliare nessuno. Preparandosi quel caffè che berrà per intero. Non serve troppo tempo per metterei i vestiti dopo essere passato a darsi una lavata al viso, non serve capire perché quel doccia schiuma dura così tanto o la biancheria sporca sia sempre a metà. Conta forse solo la consapevolezza, che chiusa quella porta, l’unico che l’aprirà sarà lui. Franco

Marzo 2015

Informazioni su serenonotturno

Franco Pancaldi nasce e dimora nella provincia modenese dal 1962. Ricca di storia e nota per il saper vivere, ne assorbe i modi e cresce trasmettendo a coloro, che sono a lui vicino, il gusto di cogliere nella semplicità la bellezza insita in essa. Cultore della conoscenza del giusto, riesce attraverso un senso d'innata e spiccata attitudine, a svolgere mansioni manuali con estrema facilità. Lui stesso si definisce “un’anima libera” e continua a esserlo nelle sue diverse espressioni quotidiane di vita, allontanando e fuggendo quell’ombra che solo l’abitudine può dare. Sempre pronto a intraprendere nuove sfide si realizza attraverso un crescente bisogno di crescita personale. Il suo leitmotiv: “Conosco i miei limiti ma non me li pongo”.

Precedente Decidere quando Successivo Continua a essere verità

Un commento su “Parlando al vento incontrai un’eco

  1. Tiziana il said:

    Se credi nel silenzio,questo, ti regala sinfoniche presenze, e non angusti spettri. Se credi nel silenzio ogni cosa può ritornare al suo posto,perché è sempre stata lì e non si è mai spostata. La quiete che ne consegue è uno stato di grazia in cui si ripristinato gli equilibri, e predispone la soddisfazione di un animo che trova quel che ha sempre cercato, il contatto con la realtà.

I commenti sono chiusi.