Veritas

e432fda717f28c55d5598f5a9830e70a

Veritas

Un mondo finto, sia quello reale che quello virtuale.
Di pari passo le persone mescolano i mondi come fossero un unico calderone, dove chi in un preciso momento è all’apice viene considerato per comodo e chi in disparte dimenticato perché non fa notizia.
Franco

Leccata

efa45686-45b1-4b35-a21e-d093b80a864a

Leccata

Perché quando taci e osservi il lento movimento lungo le tue labbra dischiuse, afferri il vero orgasmo in punta di lingua. Solo così apprezzerò il tuo profumo.

Franco Pancaldi

FB_IMG_1461296958081

Se porgi un pensiero regali un sorriso

 

Nessuno è  al sicuro, fuori da quel cerchio delle responsabilità. Perché  è  facile  sentirsi uomini, per esserlo ci sono attributi che nessuna scopata è  in grado di dare e altrettante consapevolezze proprie di chi pensa… responsabilmente.

 

Sereno notturno

Osservo

received_1696395827297939

Osservo

Perché, diceva l’onesto servo, in realtà devi far finta di non osservare nulla. Solo allora estraniandoti puoi controllare i gesti e le parole di chi  incautamente incappa nella superficialità. Sempre gli stessi gesti, ma solo in quelle occasioni che poi si rivelano col senno di poi frutto di scelte…

Che dire affermò  lo stolto servo, scontata ogni mossa.

Franco Pancaldi

Alla corte del re Ano

7db9dd60-bd6b-4f4d-8a0a-68438c582252

 

Alla corte del re Ano

L’uomo del destino doveva correre, e non fermarsi, perché quello era il suo cammino. Tra le siepi nude di quell’interminabile inverno gelato. Attingeva deboli sorrisi e tremanti inquietudini.

Si guardava in giro spaurito come se quel tempo buio non finisse mai, poi giù di nuovo a correre contromano come suo pretesto di una vita Quel giorno sapeva terminava l’inverno e sulle minute valli spuntavano i sorrisi di chi nudo aspettava il tempo clemente per uscire allo scoperto. Nudo nell’anima, soprattutto nel corpo. Intirizzito dal freddo e con la pelle grinza, scorse una donna nel suo adamitico costume, li tremante davanti ai suoi occhi, con le mani a coprirsi il corvino pube spessorato da labbra avide di lussuria. Quelle si aprivano allo sfiorare del corpo, quelle vivevano di ogni ruvido sfregamento e venivano copiose di liquido profumo. Con in cima quell’organo erettile femminile che svettava con la bandiera del piacere sempre pronto, a far da spartiacque a quelle fosse orgasmiche. Sapendo o intuendo quel che da li a poco avrebbe fatto breccia tra le pieghe.

Eppure si sbagliò…

Certo l’entrata trionfale in tutto il suo turgore di lui, sesso prominente e sicuro conoscitore di cotanta bramosia, aveva reso semplice il veloce divaricare di quel culo tondo e sodo, al punto che dal forte piacere veniva a essere confuso con il primo pertugio. In quel momento lieve il sussulto, ma a testa bassa e prendendo una piccola rincorsa svirgolò come un porco alla monta, e in un batter di ciglio eccolo alla corte del re Ano. Quasi non si rendeva conto di essere in quella stretta via, ma col passare dei minuti la sentiva allargare e con enfasi sprofondava ancor di più, per poi uscire a prendere una boccata d’ossigeno invernale. Le pieghe ancora aperte, quasi incredule osannavano ancora il suo trionfale ingresso e non se lo fece ripetere un’altra volta. Un attore di teatro acclamato dal suo pubblico lo incitava a tirar su il sipario e rientrare nel pertugio, una, due, tre. infinite volte, e quel canale sembrava un lago, dove sempre più veloce ne percorreva le onde del piacere. Preso in contromano stava per essere risucchiato, ma abile com’era invertì la rotta per esplodere in quel lento e inesorabile naufragio. Nessuna scialuppa, corda o arpione, di un remo manco l’ombra. Si accovacciò e aspetto di uscire. In quell’istante poco distante da quell’anfratto una voce calda proveniva da quel paio di labbra destanti desiderio e lui non pago, ne assaggiò ogni essenza, rischiando d’annegare. L’inverno stava finendo alla corte del re Ano.

Franco

Perduti volti

c8cdbe311576d4ccfd2acfe13fbd5cfe

Perduti volti
Scissione è l’esatto contrario di fusione ed è questo che crea quel distacco che può essere voluto o passivamente forzato.
Mi vien da pensare a coloro i quali si allontanano dalla loro nazione perché in guerra o perché non avrebbero un domani da poterlo raccontare. Penso anche alle divisioni di un partito in due schieramenti con stessi ideali.
Le divisioni di quei bambini dal nucleo familiare violento e in tutti casi qui sta la loro fortuna. Mi soffermo pure sul distacco lavorativo e credetemi non è da meno, specie se portato avanti da sempre sull’onesta amicizia e sulla sana complicità, forse quel collante che unisce pensieri e ragioni e regioni diverse, ma basato sulla voglia di unione. Questo è stato e questo mi viene a mancare, perché si sa sono un maledetto duro con la scorza tenera.
E anche a te che mi hai detto “Purtroppo sono abituato ai distacchi” dico che quei sorrisi e quei momenti fanno crescere.
Franco

 

Gradisci… ti offro il fiore della fantasiaFB_IMG_1460957815473

Quello che sbuca dalla terra arida o dal ciglio della strada
Che si agita al passare delle auto
Non muore ma si adegua alle asperità del mondo
Assorbendone i pianti di passanti consapevoli
I quali calpestandolo pensano di liberarsi per sempre del suo colore.
Gradisci ti offro un pensiero che sta al margine di quel fiore
Sarà per sempre un ricordo di ciò che penso, che vivo, che mi fa vivere.
Certo solo se lo vorrai potrò regalartelo
Non tutti gradiscono qualcosa che non fa rumore
Che si nutre d’aria
Pieno di colore e di vita da insegnare.
Non posso condividerlo se non con chi mi ha insegnato a alzarmi la mattina
Andare a letto la sera
Ora questo fiore se proprio lo desideri
Devi ricordarti di passare a fargli visita
Ogni giorno in quella strada.
Io non lo sradico
Lui è li per essere vita e non per essere calpestato da nessuno.

Franco

Cosa rimane

dd4b94fd8edfd422407af26c0cbbe74d

Cosa voleva scrivere.<br>
Non sapeva la risposta, tutto quello che gli rimaneva era un sano desiderio di extra vita, quella che si consumava tra una birra e uno sguardo, quella senza un cazzo di perchè, tra un non me ne frega un cazzo di quello che pensano e un vaffanculo.<br>
Franco

Essere

FB_IMG_1460283752252

Indecente e sofisticata analisi
Non è il clima che rende pensieri vaneggianti. Nemmeno un ricordo triste che aleggia di tanto in tanto. Tanto meno rimanere soli, a quello si rimedia con la musica per mettere armonia. Già e poi il clima cambia i pensieri pure e la musica diventa rumore. Tu invece sei sempre tu, con quel fottuto tarlo dell’esistenza e qualcuno che ti dice: “cazzo lui si è uno di compagnia”. In fondo forse siamo tutti così, bisognosi di trasgressione da quella vita che tutti ti vogliono appropriare e da cui io voglio fuggire a occhi chiusi, dentro quel pensiero che molti anno e pochi applicano: Essere se stessi.
Franco

Respiro

a603883e6bdab5e7e821b7c610a9379d

La vita è un sussulto al quale dare un senso profondo altrimenti si chiamerebbe unicamente respiro.
Il respiro a volte porta affanno, il sussulto ti aiuta a capire il momento.
Notte
Franco