Crea sito

Liberatoria


Perdiamo troppo tempo a cercar di capire cose ovvie, tralasciamo però tutto ciò che ci farebbe respirare.
Ogni realtà è forse distorta, o noi non la capiamo e tutto ciò ci rende infelici e cupi.
Dobbiamo trovare il tempo per un sorriso e per un liberatorio vaffanculo.
Lo meritiamo.
Sereno Notturno

Piccole dosi

Fino a quando sarò capace di scrivere le mie emozioni, saprò di essere ancora in grado di comunicarle.
Nel momento in cui non trasmetterò nulla a chi mi sta intorno, saprò di avere perso la mia partita.
Ci sono da capire troppe cose, la mia anima e la mia mente molte volte entrano in quel limbo che tiene troppo vicini i pensieri.
In quel momento la vita la si vive male e si frammentano le priorità.
Poi i pensieri più ricorrenti, sono quelli di essere in debito con tutti e con la vita, ma questa è un’altra storia.
Sereno Notturno

Giochi


Che poi ci si chiede cosa aspettarsi dalla vita. Quella era una giornata torrida, per intendersi, una di quelle dove qualsiasi cosa colava addosso. Quei capelli erano fradici, ma molto sensuali, lunghi e complici, aspettavano solo un paio di mani che nell’amplesso li facessero vibrare. Quella camicetta ormai non la riusciva ad allacciare all’ultimo bottone, tanta l’abbondanza, la sapeva portare benissimo in quella danza sensuale. Lei aspettava qualcosa o qualcuno e io dalla finestra vedevo tutto. Sì mi piaceva scrutarla, e a lei questo la eccitava al punto tale, da iniziare la danza come ogni sera strusciandosi sopra quel fallo dalle misure esose. Lei si masturbava così, guardandomi dalla finestra, ne sentivo i gemiti tanto ero vicino. Non era la prima volta, lo stesso facemmo in quel ristorante , ognuno nel proprio tavolo. Avevo ovviamente il suo numero e vi assicuro che vederla scattare ad ogni mio squillo, la rendeva una preda piacevole. Questa era complicità voluta e desiderio puro.
Sereno Notturno