Relax

3a36f176dce22b7f7a7edb00a71a72f8

Relax

I miei pensieri volgono e vivono con la stessa coerenza del mio essere.
Quella pura anima in subbuglio che si danna a voler cambiare il proprio mondo, facendo danni alla propria pelle.
Fuggo dal mondo che mi perseguita, nascondendo istinti e voleri.
Franco

Dicono

e18e1b62-9413-42cc-b098-42919ab651ac

Dicono

La leggenda narra che lei si posò con gran foga e lui la strattonò. Ma lei non si perse d’animo e tornando prese di nuovo quella situazione che aveva perso di mano. Lei non capì mai il gesto di lui, ma ancora oggi si vocifera lei fosse una sanguigna, una nosferatu al femminile in cerca d’anima.

Franco

Eccomi

FB_IMG_1451225597584

Prendendo spunto da un quesito di un’amica

Buongiorno a te e a tutti voi, non sono un politico, ma già il fatto io lavori, paghi le tasse e voti equivale a esserlo. La differenza che io difficilmente ho premi di produzione, mentre loro li ereditato in partenza. Oltretutto rifacendomi a quello che hai scritto i politici di destra sinistra e centro ormai non esistono. Esistono le libere elezioni con le quali chiedere di essere governati. Ora mi domando Renzi tutto questo lo fa senza essere niente di tutto ciò. L’avesse fatto un altro cosa sarebbe venuto nato giù, penso il mondo.
Mi appello a tutti perché qualcuno con senso e capacità porti avanti il fatto che i cittadini contino ancora qualcosa. Conto in qualcuno che faccia spendere soldi per un referendum serio dove la scelta non sia messa in discussione e che verta sul fatto che si tolgano tutti gli stipendi ai politici e vengano lasciati quelli base per tutti. Salvo i risultati che equivalgono a premi. Solo dopo un anno da averli raggiunti però.
Ora questo lo metterò appena riesco nelle mie pagine, gruppi, in Tumblr, pinterest, istagram e blog. Perché saranno pur siti vietati ai minori ma sicuramente qualcuno non ipocrita deve esistere tra i politici nell’ombra.
Ps. Scusatemi dello sfogo
Franco

Veli

14319eac-8ad3-42c7-bc9c-3663719a2079

Veli

Chiuse le palpebre e con un dito ideale scrisse sulla sua pelle solcando ogni turgore e fermandosi a metà del suo pensiero si riscopri l’essenza che lacrimava desiderio. Allora aiutò il piacere a esplodere nella suo sesso

Il mio maestro era lui


FB_IMG_1465650524509

Il mio maestro era lui
Difficile trovare un’anima simile all’altra, ognuna col suo percorso, il proprio trascorso e modo di rapportarsi. Per questo un’anima difficilmente riuscirà a capirne in fondo un’altra.

“Ogni anima è fottutamente diversa”

Col sano volere di salvare pensieri e azioni.
Franco

Ci si guarda

1ed5cffa-dfa0-4655-8eba-97f48ff168a0

Ci si guarda
Chi può dire di avere un forte carattere, nessuno in fondo lo può avere. Ognuno ha il suo… per il proprio modo di essere, bastardo per altri e menefreghista in ogni mancanza. Allora si in quel caso più che forte ci sente bastardi. Liberi però di essere come si è, nessuno può dire che persone così non siano sensibili.
Franco

Venne sera

deb8a942-90bf-469d-8b7a-baaee5aa3fcd

Venne sera
Cosa pensi e cosa avrai, forse un orgasmo scellerato che ti scompiglia i sensi e ti fa aggrappare con le unghie alla sua carne.
Quella pelle dura tra sesso e desiderio che recide il possesso, sia così il lasciarsi andare sull’onda caotica della prossima venuta

Franco

Cosi alle 19,37 di un giovedì anonimo

Processed with VSCOcam with e5 preset
Processed with VSCOcam with e5 preset

Cosi alle 19,37 di un giovedì anonimo

Pensò che qualunque persona in un qualsiasi momento, in una svariata città abbia bisogno di quell’attimo in cui può e deve veramente pensare chi è.
Si viene giudicati spesso da altri ma alla fine l’importanza del proprio pensiero ha un valore nella vita che nessuno ti può dare.
Franco

Il mio canto

FB_IMG_1465185049804

Quel canto
Se fosse un canto
Sarebbe uguale a una lenta melodia
Potrebbe essere cibo
Sì scioglierebbe tra il palato
Un gusto forte
Ne rimarrebbe intatto il sapore
Forse solo frenesia
Ci vorrebbero però appigli saldi
Per non lasciarla issare in un giorno di follia.
Quel canto è traditore suona stonato
Nelle ugole di chi non è abituato.
Franco

A culo col mondo

FB_IMG_1464932520164

A culo col mondo
Sono vietate scene esplicite, scene apparentemente istigatrici al sesso, quelle che lontanamente assomigliano a un’effusione. Quelle di chi dentro l’effusione ci vedono la forma di una passera, magari sotto sembianze di una fragola… ma si sa la voglia rende ghiotti. Non puoi mettere un culo sebbene velato, viene scambiato per pura pornografia. La lingua è maldicente, (ma rendetevi conto che non parla lecca solamente). Gli unici membri di cui non ci vergogniamo ancora sono quelli eletti a nostra volontà. Parliamo della verdura… un assieme di cose impresentabili, che rende le persone schiave di masturbarsi. Addirittura una natura morta farebbe sfaceli, perché l’idea è quella di renderla viva. Il linguaggio senza scadere troppo, viene letto come offensivo dalle stesse persone che poi sono di una tale moralità porca che solo a sentirle parlare altro che viagra per resuscitare.
Cosa rimane se non l’immaginazione.
Ecco
Ora lo sto facendo e questo è favoloso

Fidati

df2b0d6e-dd7b-44f9-8040-fd4246407f78

Fidati
Erano momenti regalati che si intercalavano agli altri, quelli scanditi dalle usualità di sempre.
Erano sotterfugi o espedienti contorti, servivano a far credere d’essere forti. Dal chiassoso vicolo della vita arrivavano tutti i rumori assordanti e striduli, dal vicolo cieco dell’attimo regnava il silenzio che ognuno cercava, una volta compreso ti dicevano che quello di chiamava incomprensione. Allora scuotevi il capo per mescolare le due essenze, era impossibile farlo e quell’essere era già preda di una presa – follia.
Franco