Giochi


Che poi ci si chiede cosa aspettarsi dalla vita. Quella era una giornata torrida, per intendersi, una di quelle dove qualsiasi cosa colava addosso. Quei capelli erano fradici, ma molto sensuali, lunghi e complici, aspettavano solo un paio di mani che nell’amplesso li facessero vibrare. Quella camicetta ormai non la riusciva ad allacciare all’ultimo bottone, tanta l’abbondanza, la sapeva portare benissimo in quella danza sensuale. Lei aspettava qualcosa o qualcuno e io dalla finestra vedevo tutto. Sì mi piaceva scrutarla, e a lei questo la eccitava al punto tale, da iniziare la danza come ogni sera strusciandosi sopra quel fallo dalle misure esose. Lei si masturbava così, guardandomi dalla finestra, ne sentivo i gemiti tanto ero vicino. Non era la prima volta, lo stesso facemmo in quel ristorante , ognuno nel proprio tavolo. Avevo ovviamente il suo numero e vi assicuro che vederla scattare ad ogni mio squillo, la rendeva una preda piacevole. Questa era complicità voluta e desiderio puro.
Sereno Notturno

Sereno Notturno

Informazioni su serenonotturno

Franco Pancaldi nasce e dimora nella provincia modenese dal 1962. Ricca di storia e nota per il saper vivere, ne assorbe i modi e cresce trasmettendo a coloro, che sono a lui vicino, il gusto di cogliere nella semplicità la bellezza insita in essa. Cultore della conoscenza del giusto, riesce attraverso un senso d'innata e spiccata attitudine, a svolgere mansioni manuali con estrema facilità. Lui stesso si definisce “un’anima libera” e continua a esserlo nelle sue diverse espressioni quotidiane di vita, allontanando e fuggendo quell’ombra che solo l’abitudine può dare. Sempre pronto a intraprendere nuove sfide si realizza attraverso un crescente bisogno di crescita personale. Il suo leitmotiv: “Conosco i miei limiti ma non me li pongo”.

Precedente L'oroscopo del tempo Successivo Piccole dosi